martedì 8 settembre 2015

E' il Walkie Talkie il più brutto edificio del Regno Unito




Il suo vero nome è “20 Fenchurch Street” ma tutti lo conoscono come Walkie Talkie, per via della sua forte somiglianza estetica con lo strumento di comunicazione in voga negli anni 90’.
E' il più brutto edificio del Regno Unito.
A voi piace? 




Sta di fatto che questo grattacielo, tra i più evidenti e famosi di Londra, situato in Fenchurch Street, al civico 20, si è aggiudicato il Carbuncle Cup, premio di architettura, lanciato nel 2006 assegnato ogni anno, dalla rivista “Building Design” al più brutto edificio del Regno Unito completato negli ultimi 12 mesi.


Il premio, che vuol essere una divertente risposta al prestigioso premio Stinling, assegnato dal Royal Institute of British Architects all’architetto dell’edificio che ha dato il più grande contributo all’architettura britannica nell’ultimo anno.

Walkie Talkie, alto complessivamente 160 metri e dotato di 34 piani, è stato progettato dall’architetto uruguaiano Rafael Vinoly, dominando, con la sua altezza, lo skyline londinese. Nel corso degli anni, però, ha arrecato diversi danni: per via della sua superficie specchiata, ha danneggiato e fuso, con i suoi riflessi, alcune auto parcheggiate sotto di esso, il tappeto di un barbiere e il sellino di una bici, abbagliando i passanti e gli automobilisti.





Si tratta, dunque, di uno degli edifici più chiacchierati del momento che, paragonato da alcuni ad una pinta di birra, a causa della sua forma, concentra i raggi solari riflessi dai suoi vetri sulla strada sottostante, causando diversi disagi. Tanti i fotografi, i giornalisti e i curiosi che hanno provato a verificare, di persona, la pericolosità del grattacielo insignito del triste premio.

A parte chi ha provato a friggere un uovo sul marciapiede senza grandi risultati, in molti hanno segnalato che effettivamente, nei punti in cui arrivano i raggi solari riflessi, che oltretutto arroventano l’asfalto, la temperatura sfiora i 72°, fondendo i cruscotti delle auto, creando bolle sulla verniciatura, bruciando la moquette di un negozio vicino.



Il fenomeno si verifica nelle ore centrali della giornata, quando il sole è alto e colpisce più obliquamente la facciata del palazzo. Un fenomeno affascinante, secondo alcuni, che però sottende un grosso problema urbanistico.