sabato 28 febbraio 2015

Vincent Laforet


“Immaginate di stare appoggiati alla porta aperta di un elicottero a oltre 2mila metri sopra New York in una notte buia e fredda...E vedere tutto ciò”. Ecco come Vincent Laforet descrive cosa è significato per lui catturare questi sorprendenti scatti.


Cucina







Laforet, "regista, fotografo, produttore, insegnante e consigliere", era l'addetto alle foto della rivista Men's Health, quando ha catturato queste immagini dall’interno di un elicottero.








“Ho proposto gli scatti della città da una quota insolitamente alta, in modo da poter cogliere le linee luminose che si formano per le strade di New York di notte”, scrive il fotografo. “Erano per un articolo di psicologia e ho sempre pensato che ad alta quota le strade ricordassero le sinapsi del cervello. Almeno per me”.
Certamente non abbiamo mai visto New York da questa prospettiva, così come anche per Laforet era la prima volta. Se l’elicottero avesse volato più in alto, avrebbero avuto bisogno delle maschere di ossigeno.




Il fotografo svizzero ha fotografato anche la città 
del peccato Las Vegas come un puntino luminoso nell'oscurità del deserto del Nevada da circa 3.300 metri d'altezza
realizzando una serie d'immagini impressionanti. 
La Strip, la via principale dell'intrattenimento, con i Casinò e i bar e le attrazioni scintillanti è facilmente individuabile e si differenzia dal resto dell'agglomerato urbano per le luci colorate e le forme bizzarre delle sue strutture.


Cucina


a:l: