sabato 5 aprile 2014

Cristo degli Abissi



Nello specchio d’acqua antistante l’Abbazia di San Fruttuoso, nel silenzio primordiale e solitario delle profondità marine, si trova una figura fluttuante con le braccia protese verso l'alto in segno d'invocazione, una grande statua bronzea raffigurante Cristo, posta a ricordo dei morti in mare e di quanti al mare hanno dedicato la propria vita.






Posata nelle acque del borgo di San Fruttuoso nel 1954, per iniziativa di Duilio Marcante, figura leggendaria della subacquea italiana, la statua del Cristo degli Abissi, è diventata un simbolo per tutti i subacquei e una delle immersioni più famose del mondo.



La statua di bronzo alta 2,50 Mt. ( nel crogiolo vennero fuse medaglie di marinai, di atleti, parti di navi, campane e cannoni) pesa 260 kg 
e poggia su un grande basamento di cemento a forma di piramide tronca di 90 tonnellate, adagiato su un fondale di 17 Mt.




Le mani della statua si trovano circa dodici metri di profondità mentre il basamento sfiora i diciotto. La sua figura può essere facilmente raggiunta in apnea o essere ammirata, se la visibilità è buona, dalla superficie con un batiscopio, comunemente chiamato “specchio” o con una maschera subacquea.



Ogni anno, alla fine di agosto, nella piccola baia si svolge una cerimonia suggestiva , in ricordo di tutti coloro che il mare ha voluto richiamare a se. La benedizione delle acque, la processione alla luce delle torce, l'immersione dei subacquei che raggiungono il Cristo e vi depongono una corona di alloro, la Messa celebrata sulla battigia: sono questi i momenti più suggestivi della notte in cui si rende omaggio al Cristo degli Abissi.



Per consentire a tutti di ammirare la statua, anche in condizioni di mare non buone, il 13 agosto 1974 una copia del cristo è stata collocata nella cappella della Chiesa di San Fruttuoso.







amedeoliberatoscioli.blogspot.it