venerdì 7 febbraio 2014

Montezemolo vende Frau agli americani.



Facciamo tutti ciao ciao con la manina...Montezemolo ha venduto Frau agli americani.

Il made in Italy è sempre più straniero.

L'ex numero uno di Confindustria diceva: "Il made in Italy è tutto". 





Il fondo Charme e Moschini cedono il 58,6% della società d'arredamento a Haworth per 2,96 euro ad azioni dopo averla quotata a 2,1 euro nel 2006.

L'ex numero uno di Confindustria diceva: "Il made in Italy è tutto".


Poltrona Frau saluta l'Italia e allunga la lista dei marchi storici passati nelle mani di investitori stranieri. A vendere, questa volta, sono gli ambasciatori del made in Italy azionisti del fondo Charme Investments che insieme a Moschini cederanno agli americani di Haworth la loro partecipazione del 58,6% (di cui 51,3% posseduto da Charme e il restante 7,3% da Moschini) nel capitale di Poltrona Frau a 2,96 euro per azione (la società era stata quotata in Borsa nel 2006 a 2,1 euro per azione): un'operazione che porterà nelle casse degli azionisti circa 240 milioni di euro.




La cessione si concluderà entro aprile, quando Haworth lancerà un'Opa con l'obiettivo di delistare la società da Piazza Affari. 



A stupire è che questa volta a vendere siano - tra gli altri - Luca Cordero di Montezemolo, Diego Della Valle e Nerio Alessandri di Tecnogym, azionisti di Charme e strenui difensori dell'italianità.




Proprio Montezemolo, già ambasciatore del made in Italy, non ha mai perso occasione per difendere lo stile e il design italiano di Poltrona Frau, nel cui portafoglio sono presenti altri marchi d'eccellenza come Cassina e Cappellini:


"Il made in Italy è tutto", aveva dichiarato qualche tempo fa....e meno male aggiungo io.


Adesso il pallino del design italiano passerà a Haworth, società americana del Michigan fondata nel 1948 dalla famiglia Haworth, che ancora ne detiene il 100%.


Con oltre 1,4 miliardi di dollari di ricavi nel 2013 e circa 6.000 dipendenti, la società dal 2011 è già partner di Poltrona Frau per la distribuzione del canale ufficio in Nord America. Dal 2005 è guidata dall'italiano Franco Bianchi.




"Questa operazione - commenta Franco Moschini, presidente di Poltrona Frau - è la realizzazione di un grande sogno iniziato dal 2003 con il fondo Charme, ossia la creazione del più importante polo mondiale dell'arredamento di lusso e questo porterà grandi benefici allo sviluppo internazionale del gruppo e alla conseguente crescita dei nostri siti produttivi".


Sulla stessa lunghezza d'onda Matteo Cordero di Montezemolo, figlio di Luca e ad di Charme: "Dopo un ciclo di investimento durato più di 10 anni questa operazione rappresenta la miglior conclusione del percorso di Charme in Poltrona Frau".


Di certo per il fondo Charme è tempo di dismissioni all'insegna del made in Italy: dopo aver ceduto lo scorso anno il 20% della società biomedicale Bellcobi (con sede a Miradola), ieri è stata venduta per 500 milioni di euro l'italiana Octo Telematics (società che produce scatole nere per il mercato delle assicurazioni auto) ai russi di Renova e oggi è arrivato l'addio a Poltrona Frau.




amedeoliberatoscioli