giovedì 30 gennaio 2014

DROGA


Tutti sappiamo cos'è la droga ma l'avete mai vista....così?

La DROGA vista da vicino diventa arte. 

Dall’ Lsd all' Ecstasy.







(L'LSD è una fra le più potenti sostanze psichedeliche conosciute.

La sigla è un'abbreviazione nel nome in tedesco del composto, Lysergsäurediethylamid.

Una dose di appena 25 μg può causare alterazioni della percezione e dell'umore per più di 10 ore. Non causa tipicamente "allucinazioni" in senso proprio, ma amplificazioni dei sensi e distorsioni della percezione della realtà).



L' Ecstasy, ( L'ecstasy è una sostanza sintetica psicoattiva, ovvero in grado di provocare effetti allucinogeni e stimolanti, assai affine alle amfetamine. Fu un biochimico americano a risvegliare l'interesse per l'ecstasy suggerendone l'uso a scopi psicoterapeutici. Da quel momento la sua popolarità divenne crescente e al termine degli anni '70 del XX secolo, l'ecstasy era particolarmente diffusa come sostanza stupefacente negli ambienti underground. In Europa questa droga è giunta dieci anni dopo, passando dalle feste raves inglesi e via via poi diffondendosi in tutto il continente. In Italia è considerata sostanza stupefacente illegale dal 1990. Generalmente l'ecstasy viene confezionata sotto forma di pastiglie di vario colore che riportano dei disegni; meno frequentemente viene smerciata sotto forma di capsule.



  • Effetti positivi (a breve termine)  

In seguito all'assunzione di ecstasy aumentano le capacità sensoriali e percettive, ovvero aumenta la capacità di sentire le emozioni, il senso di intimità con gli altri e l'affettività. Si percepiscono inoltre euforia o senso di spensieratezza e di pace con il mondo con una rimozione delle barriere emotive che porta più facilmente a comunicare con gli altri.



  • Effetti negativi fisiologici

L'effetto più pericoloso da assunzione di ecstasy è l'aumento della pressione sanguigna, anche notevole, di per sé già pericolosa, ma che può essere letale in soggetti con patologie già presenti (problemi cardiaci, renali). Si registrano inoltre aumento della frequenza cardiaca, tachicardia, disidratazione dovuta a intensa sudorazione, crampi e svenimenti dovuti anche all'innalzamento notevole della temperatura corporea (fino a 43 gradi). L'insorgere di problemi cardiaci e/o respiratori e il surriscaldamento eccessivo del corpo possono essere causa di morte, anche in seguito a una sola assunzione.



  • Effetti negativi psicologici

Accanto agli effetti sensoriali piacevoli, a breve termine si ha quasi immediatamente un calo notevole di serotonina che induce insonnia, perdita di appetito, scarsa concentrazione e riduzione della capacità di giudizio. Queste ultime in particolare sono molto pericolose per chi si mette alla guida di autoveicoli dopo il consumo di ecstasy.


Ecco come gli schizzi delle sostanze psicoattive possono trasformarsi in opere d’arte.


Anziché assumerle, GUARDATELE.

Ecco una possibile interpretazione di questa sequenza di scatti artistici che ritraggono le droghe sintetiche estremamente da vicino, intitolata All you can feel (Tutto quello che puoi sentire).



Realizzata dalla fotografa tedesca Sarah Schoenfeld, la serie si ispira alle esperienze di vita trascorse nei night club di Berlino, dove l’artista ha lavorato per anni a contatto con gli effetti di queste sostanze attive sulle persone. Per decidere poi di riprodurle schizzando queste molecole sulla pellicola in fase di sviluppo e poi ingigantendo le immagini.



Il senso è evocare, attraverso colori sgargianti e forme contorte,gli effetti di ciascuna droga sul cervello.




AMEDEO LIBERATOSCIOLI