lunedì 2 settembre 2013

BENZINA = "laboratorio educativo"


Anche se la sua funzione essenziale è quella di un distributore di benzina, la Casa Helios intende proporsi come un "laboratorio educativo" che stimoli il dialogo, promuova l'educazione e alimenti il dibattito sul tema della gestione dell'ambiente.






La struttura si colloca all'incrocio tra due viali, Robertson e Olympic, nel sito occupato in precedenza da un distributore di benzina convenzionale.


I cartelloni e le fermate dell'autobus esistenti sono stati conservati " per attirare l'attenzione sulla missione educativa e sperimentale del distributore " . Gli architetti fanno riferimento alla ricca tradizione architettonica delle stazioni di servizio negli Stati Uniti, ma in questo caso insistono sulla volontà di centrare l'interesse sulle tematiche ambientali e precisamente in un progetto che riguarda il settore dei motori.


La struttura triangolare in pannelli d'acciaio prefabbricati che copre l'intera area operativa risponde a ciò che gli architetti definiscono come una "customizzazione di massa" degli elementi costruttivi.


Tutte le acque di scolo potenzialmente inquinate sono raccolte e depositate in un serbatoio sotterraneo, e in seguito filtrate e riutilizzate per l'irrigazione delle piante.


I 90 pannelli solari posti sulla copertura del complesso forniscono cicrca 15.000 kWh. L'illuminazione è a basso consumo energetico e la tettoia riflette la luce riducendo il consumo di elettricità del 16% rispetto ai normali distributori. I sensori, programmati per cicli di 24 ore, ottimizzano ulteriormente l'uso della luce artificiale.


Il progetto ha ottenuto la Certificazione LEED e utilizza nella maggior misura possibile materiali riciclati.


a m e d e oli be ra to sc io li