sabato 31 agosto 2013

Il nuovo trend : i mobili in cartone



Tanto tempo fa la famosa valigia di cartone era sinonimo di indigenza. Oggi invece sedie, cassapanche e tavoli di questo materiale sono all’ultima moda. Perché è resistente, leggerissimo, versatile, smontabile, riciclato, economico e perfetto per chi trasloca spesso. Insomma l’arredamento del futuro è di cartone. Soprattutto in una società in cui tutto è diventato più fluido e si cambiano frequentemente lavoro e residenza .





Forte e flessibile: il cartone è molto flessibile. Caratteristica che permette forme davvero
elaborate. Allo stesso tempo è resistente alla pressione verticale ma può essere rinforzato con l’aggiunta, eventualmente, di elementi in legno. Queste caratteristiche lo rendono un materiale adatto a trasformarsi in qualsiasi elemento d’arredo, a esclusione solo di quelli che prevedono un contatto protratto con l’acqua. La flessibilità e la leggerezza, inoltre, non ne compromettono la sicurezza, tanto che in commercio esistono perfino culle per neonati a risparmio garantito: con un costo che si aggira intorno ai 60 euro.


Diversi tipi di cartone: occorre tenere a mente che esistono diversi tipi di cartone. Quello adatto alla costruzione di mobili è quello più resistente, detto alveolare. Il cartone è costituito da due fogli esterni (di materiale variabile) e almeno uno ondulato interno (o più). Quello alveolare è costituito, per le parti esterne, da una carta particolare detta kraft, fatta di celle esagonali che ricordano la struttura a nido d’ape, uniformi e continue. Ci sono poi cartoni di resistenza minore a seconda del materiale dei fogli esterni e del numero di fogli ondulati interni. Il cartone alveolare può essere reso ancora più appetibile rivestendo i fogli esterni con film impermeabili, dando così al prodotto finale anche un’ottima resistenza all’umidità.


Ecosostenibile e amico del fai da te: solitamente i mobili di cartone, anche griffati, provengono dal mondo dell’imballaggio. In altre parole, usarli vuol dire riciclare. Comprare quindi questo tipo di prodotto significa quindi essere vicini all’ambiente ed ecosostenibili. E per finire, un altro vantaggio: il materiale permette di arrangiarsi egregiamente col fai da te. Grazie ad alcune community di affezionati al tema e a numerosi filmati che girano in rete, realizzare i propri mobili è possibile e non inquina in quanto si sfrutta l’arte dell’incastro e al massimo si usa la colla a base di acqua. Per la gioia dell’ambiente e del portafogli.


a.l.