martedì 25 giugno 2013

Lanterna a Sandnes




Progettata in occasione della candidatura di Stavanger a capitale europea della cultura del 2008, la “Lanterna” è un monumento alla socialità urbana, che utilizza il legno strutturale e il vetro di copertura per armonizzarsi con la città di giorno e per accenderne l’attenzione nella notte.




Nel 2008, insieme a Liverpool, ricevette il titolo di capitale europea della cultura anche la città di Stavanger in Norvegia, la cui area metropolitana comprende il comune di Sandnes. Per l’occasione la municipalità organizzò una serie di iniziative che spaziavano dall’architettura alla letteratura, alla musica alle arti visive, tra le quali il concorso “Norwegian Wood”, bandito per promuovere la costruzione in legno per i suoi valori di sostenibilità. Una delle gare del concorso trattava il tema dello spazio urbano come luogo di sosta e condivisione e chiedeva di allestire una piazzetta all’incrocio tra Flintergaten e Laggaten, due vie pedonali in prossimità dell’area portuale di Sandnes.


Vincitore della gara, il gruppo composto dai norvegesi Aterlier Oslo e dallo studio francese AWP, immaginò una copertura per la piccola piazza, un tetto alle attività culturali di socializzazione organizzate dal comune e al libero incontro dei cittadini. Ispirata all’archetipo dell’abitazione con tetto a due falde (numerose nella via) e sorretto da quattro gruppi di colonne in legno di rovere, rientranti rispetto al perimetro della copertura, la struttura sembra una casa sull’albero.

Il tetto non è pieno, ma è composto da una griglia di elementi di pino lamellare, primari e secondari, di 9x9 cm in sezione e rinforzi in acciaio, sulla quale si appoggia un manto di vetro che costituisce la copertura vera e propria. Montati parzialmente sovrapposti, come in un tetto di ardesia, i moduli quadrati che costituiscono la copertura sono fissati l’uno all’altro per essere solidali, cosicché non è stato necessario creare uno scheletro metallico che li tenesse insieme, ma il manto in vetro ha potuto essere ancorato direttamente alla struttura in legno, evitando di essere appesantito con profili metallici.


La leggerezza della trama lignea accoppiata alla trasparenza della copertura in vetro realizzano un’architettura aperta sul contesto urbano e spalancata verso il cielo, che protegge passanti e astanti senza risultare uno spazio chiuso e circoscritto.



Ogni colonna si biforca sia verso l’alto per sostenere in più punti la copertura, sia verso il basso per ancorarsi più saldamente al suolo, assumendo l’aspetto di alberi con rami e radici. La loro distribuzione non è geometrica e uniforme, ma pensata in modo da offrire diversi spazi di fruizione, piccoli o grandi, perimetrali o centrali, anche aggregabili. Celebra l’incontro di due strade, non una piazza ma un luogo di transito, sotto il quale arrestarsi un momento sedendosi sulle panche ricavate dalle colonne e prendere parte alle temporanee esibizioni organizzate dalla città.



Leggermente sporgente sul fronte verso Laggaten, vuole partecipare del passeggio cittadino. Sfruttando la trasparenza strutturale, i fari interni che puntano verso l’alto enfatizzano l’architettura, trasformandola di notte in una lanterna urbana. Di giorno la copertura di vetro cattura immagini dei movimenti del cielo e degli edifici circostanti, restituendoli in bagliori. Monumento all’incontro e alla socializzazione, è oggi un punto di riferimento visivo per la comunità.

Progetto: Atelier Oslo (Thomas Liu, Nils Ole ”solo” Brandtzæg, Marius Mowe, Jonas Norsted, Bosheng Gan) e AWP (Matthias Armengaud, Marc Armengaud, Alessandra Cianchetta, Arnaud Hirschauer)

Committente: Sandnes Municipality
Luogo: Sandnes, Ragna Stakland (Norvegia)
Ingegneria delle strutture: Kristoffer Apeland
Ingegneria acustica: Sweco
Consulente illuminotecnico: COWI


Superficie del lotto: 2500 mq
Superficie occupata dall’opera: 250 mq
Inizio progetto: 2007
Inizio lavori: 2008
Fine realizzazione: 2008
Vetrate: Skandinaviska Glassystem
Copertura in legno di pino lamellare: Timber
Pilastri in rovere massiccio
Pavimentazioni: Vest betong