sabato 8 giugno 2013

Elementi per dividere gli spazi.


L' OPEN SPACE è la tipica soluzione moderna per il living, ma in alcuni contesti può essere necessario dover suddividere gli spazi in base alle diverse funzioni.





Dato per scontato che l’open space è la soluzione più adottata negli ambienti abitativi moderni, come già illustrato in altri  articoli, va da sé che comunque, almeno in contesti in cui ciò sia possibile per spazio disponibile e per obiettiva necessità, a volte è necessario dover suddividere gli spazi in base alle diverse funzioni che vi si svolgono.



Può succedere in un living che ospita anche l’home office, così come in un ambiente giorno con la cucina a vista nel caso di un pranzo importante di lavoro. Si tratta di una soluzione di pareti per una chiusura momentanea, niente di definitivo, che sia anche esteticamente risolutiva per ambienti multifunzione.



Essendo soluzioni cosiddette leggere, non necessitano di particolari lavori murari e possono essere adottate anche in un secondo momento rispetto ad eventuali ristrutturazioni già avvenute, quando ci si rende conto che la suddivisione degli ambienti, così come prevista in un primo momento, sia da rivedere.


Porte e pannelli scorrevoli in vetro

Le porte scorrevoli in vetro sono senz’altro la soluzione più appropriata per questo tipo di chiusura perché giocano sull’effetto leggerezza del materiale, coniugato ad infinite combinazioni di colori, finiture e decorazioni possibili, da coordinare con il resto dell’arredamento.


Librerie e contenitori bifacciali


Un altro modo per suddividere gli spazi senza alcun lavoro di tipo murario è quello di utilizzare un mobile contenitore bifacciale, cioè rifinito su entrambe le facciate. Questo contenitore potrebbe essere tutto chiuso o parzialmente chiuso nella parte inferiore ed essere a servizio dell’uno o dell’altro ambiente, oppure fare da filtro e quindi in questo caso sarebbe una struttura libreria.


a.l.