venerdì 26 aprile 2013

BMW Museum



Il BMW Museum, situato ai margini del Parco Olimpico di Monaco, presenta in oltre 5.000 mq la storia ed i modelli che hanno reso celebre nel mondo la casa automobilista bavarese, nata nel 1916 come fabbrica di motori per aerei.





Il marchio BMW arriva nel 1917 e significa Bayerische Motoren Werke, ovvero Fabbrica di Motori Bavarese; il logo rappresenta un'elica stilizzata e i colori bianco e azzurro omaggiano i colori ufficiali della Baviera.



L’edificio, detto il “Museum Bowl”, è stato realizzato assieme al vicino grattacielo che ospita il quartier generale amministrativo e direzionale – il “4 Cilindri” – dall’architetto viennese Karl Schwanzer in occasione delle Olimpiadi del 1972.






Il Museo della BMW mette in mostra l’evoluzione storica delle competenze e delle forze innovative del marchio stesso, insieme alle sue conquiste e ai suoi successi sportivi. Lo sviluppo del marchio BMW viene descritto dal passato ad oggi con uno sguardo sul futuro. Il cuore del materiale espositivo è rappresentato da icone della storia dei prodotti BMW quali la BMW R 32, la BMW 507 e la leggendaria BMW 2002.

BMW 507


BMW R 32

Oltre 100 oggetti esposti: modelli di produzione, da gara e veicoli concept che testimoniano la storia gloriosa del marchio BMW. I visitatori scopriranno spazi espositivi interni ed esterni, una configurazione di rampe, squarci suggestivi ed ampi panorami, nonché una serie di prospettive sempre in movimento che li sorprenderà.






Il vicino e imponente BMW Welt (Mondo BMW), inaugurato nel 2007 su progetto dello studio viennese Coop Himmelb(l)au, è invece un centro multifunzione che presenta la BMW di oggi e domani con l'esposizione dei principali modelli di auto e moto attualmente in produzione, una sezione tecnico-scientifica, punti ristoro e il negozio ufficiale.





Informazioni pratiche




BMW Museum

Petuelring 130

www.bmw-welt.com



Apertura: Tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 10 alle 18



Chiusura: 24, 25, 26 e 31 dicembre, 1 gennaio



Mezzi pubblici: Metropolitana U3 "Olympiazentrum"





BMW Welt,



Il grattacielo dall’inconfondibile forma a quattro cilindri domina la zona Nord della città,vegliando un’area di 500.000 m² in cui lavorano 10.000 dipendenti tra questi gli italiani sono varie centinaia.




«Un’opera d’arte totale» è quanto assicura il gruppo presieduto da Helmut Panke annunciando, con toni vagamente wagneriani, la nascita di Mondo BMW.



Al centro di tutto l’apertura – di un avveniristico edificio adibito alla consegna dei mezzi per quei clienti desiderosi di ritirare direttamente il proprio gioiello, anziché attenderlo dal concessionario. Con una spesa intorno ai 500 EUR si potrà compiere una full immersion aziendale, comprendente tra l’altro un invito a pranzo in uno dei 4 ristoranti ospitati nel complesso e la possibilità di sperimentare tutte le tecnologie BMW con l’aiuto di un consulente istruito sulle caratteristiche specifiche del modello acquistato. Ci si potrà anche lanciare in una “guida a secco” grazie a un simulatore elettronico professionale. Un’occasione per prendere confidenza con la propria auto ancor prima di guidarla e, sotto sotto, divertirsi alla grande con un videogioco di classe.




Incluso nel prezzo del ritiro vi sono anche una visita alla fabbrica e quella al museo aziendale che riaprirà completamente rinnovato entro la fine del 2007. In uno spazio espositivo quintuplicato si potranno ammirare storici modelli e visitare aree tematiche per addentrarsi nel mondo del design e della pubblicità targati BMW. Il tutto accompagnato da pareti multimediali in grado di fornire aiuti e consigli al visitatore.


Per l’appassionato di motori una tappa golosa, da accoppiare con la visita del Museo del Traffico, aperto proprio a Monaco di recente.




Una serie di ponti sospesi permette di spostarsi tra l’edificio centrale, il museo e la fabbrica. Passerelle accessibili anche ai disabili conducono allo stabilimento automobilistico, in cui saranno visitabili tutte le tappe del processo di creazione della “Serie 3”, prodotta interamente in loco. Grazie all’impiego massiccio della robotica la produzione è in serie ma personalizzata: tra le 200.000 automobili sfornate ogni anno quelle perfettamente uguali sono rarissime.



Il fordismo, insomma, è morto, sepolto e dimenticato. I visitatori della fabbrica assisteranno persino al processo di verniciatura della carrozzeria: una rarità mondiale. Alla fine del percorso nel Mondo BMW ci si potrà finalmente impossessare del proprio automezzo, prodotto nella fabbrica prospiciente o in uno degli altri stabilimenti tedeschi o americani, incontrandolo su una piattaforma ruotante posta in un padiglione rialzato al centro del complesso principale.


Tramite una rampa il cliente si immetterà poi nel traffico, per testare magari la potenza del proprio bolide sulla vicina autostrada gratuita e senza limiti di velocità.



Per i guidatori giunti dall’estero BMW propone una serie di pacchetti vacanze e suggerimenti di viaggio con mete europee a partire da Monaco. Visti la bellezza e i musei della città, con le quali Mondo BMW si trova a concorrere, è probabile che in molti sceglieranno di prolungare il loro soggiorno monacense, visitando le pinacoteche o frequentando uno dei numerosi teatri. Dopo la futuristica Allianz Arena, il nuovo stadio dai colori cangianti che ha indotto molti visitatori degli ultimi campionati mondiali di calcio a chiedersi se non fossero piuttosto capitati in un’astronave, l’edificio centrale di Mondo BMW ha comunque tutte le caratteristiche per divenire un nuovo simbolo cittadino. Anziché il ristrettissimo numero di soliti noti, l’azienda bavarese – con un atto di vera “democrazia architettonica” – ha invitato al bando di concorso internazionale per la progettazione del complesso 275 studi di architettura, incaricando una società esterna di controllare il totale anonimato delle proposte. Alla fine l’ha spuntata “Coop Himmelb(l)au”, una cooperativa di professionisti viennesi dal nome ammiccante (himmel = cielo, blau = blu, bau = costruzione) con un progetto improntato alla luce, alla leggerezza e al dinamismo.



Vetro e acciaio i materiali dell’edificio centrale di Mondo BMW, caratterizzato da un doppio cono simboleggiante un ciclone di nuvole che si distribuiscono formando una copertura ondulata e leggermente concava, quasi che il sottostante spazio espositivo – quello con la piattaforma per la consegna delle auto – la attiri a sé come un magnete. Sfidando le leggi della statica e richiamandosi alla meraviglia del tempio di Segesta, “Coop Himmelb(l)au” ha preso la superficie del tetto del tempio e l’ha decuplicata, progettando una copertura di 14.000 m² (ci starebbe tutta Piazza San Marco) ripiena di cellule fotovoltaiche e tenuta in piedi da soli 11 appoggi: 25 in meno delle colonne che reggevano il tetto del sacro edificio dorico.



All’interno della costruzione, climatizzata nella facciata e nel pavimento, alloggiano ristoranti, il padiglione per le auto in consegna e la completa esposizione di tutte le varianti di carrozzeria dell’attuale gamma BMW.


In uno spazio apposito i bambini possono imparare i rudimenti della meccanica seguiti da un assistente o guidati dal proprio maestro elementare, che potrà adoperare l’area come un laboratorio di fisica. E così mamma BMW avrà modo di farsi conoscere dai suoi potenziali clienti fin da piccoli.



Un’area adibita a centro congressi, cinema, teatro, sala ricevimenti o concerti si prefigge di incrementare la già effervescente vita culturale cittadina. Nella struttura a doppio cono, fornita anch’essa di illuminazione variabile sul modello del nuovo stadio si terranno eventi mondani o mostre a tema. 


Tutto lo spazio espositivo di Mondo BMW, salvo la visita della fabbrica e del museo, è gratuita. Ci si aspetta un minimo di 850.000 visitatori annui, molti dei quali transitanti dalle strutture ricreative del vicinissimo parco olimpionico.


Quello con il vecchio stadio dal celebre sistema di tetti ondulati progettato nei primi anni Settanta da Günther Behnisch. Allora troneggiava sul panorama cittadino come unica e moderna meraviglia architettonica, ora anche per lui son tempi duri.



amedeoliberatoscioli