sabato 19 maggio 2012

Case e stili



styling swagger


bath swagger…


tabletop luxury…


blueprintmodern



dark walls and art deco

 

 blue and gold gorgeousness. 

Rustic paradise retreat in Brazil



This beautiful craftsman style home spotted on Casa, is located in Trancoso, a town in the state of Bahia, Brazil. Once belonging to ceramist João José Calazans, the rustic home was erected in 1990 and then purchased by former JP Morgan executive Tierry Moriceau, who was seeking a home with a different life outside of Paris. He contracted architect Daniela Oliveira to renovate the 2,884 square foot (268 square meters) home and preserve the original structure. “To strengthen it, we had to add new concrete pillars, which are hidden in the walls,” says architect Daniel Oliveira.
The restoration of wooden doors and frames involved a team of carpenters led by artisan Reginaldo Pereira. The home is organized into six planes, separated by steps with integrated environments bathed in abundant light. Directly accessed from the master bedroom, the lower plateau of the land gives way to a comfortable deck, which was the most radical reform of the old home-workshop. Dense vegetation borders the deck which is defined by the infinity quartz pool, making this one of the most beautiful areas of the house. The coating of quartz green stone work was performed by skilled artisans in the region. The outdoor area also has showers carved from wooden logs used in the manufacturing of boats.














mercoledì 16 maggio 2012

Casastile - la rivista online di oggettistica per la tua casa

Scarica il nuovo numero di CASASTILE
 la rivista on line per la tua casa




Profumi per la casa - CULTI -

 


 



 

Culti, un mondo di eleganza e alta artigianalità. Culti utilizza come ingrediente primo la ricerca di materiali eccezionali e la sapiente mescolanza di ciascuno di essi. La loro unione, dà vita a fragranze sempre discrete e mai invasive.


I profumi sono disponibili presso - Liberatoscioli - Pescara tel. 085 42 23 075

martedì 15 maggio 2012

Verde a tavola - idee originali

ricetta : gnocchi al thè verde

















Il Mosaico -SICIS- Generalmarmi Via Gran Sasso 6 Pescara













Le tessere
Si possono adottare molti tipi di materiali, che permettono effetti diversi ed hanno ciascuno i propri vantaggi.
  • i ciottoli
  • la pasta di vetro: effetto di trasparenza, colori vivi
  • i quadrati d'arenaria: taglio facile e resistenti al freddo
  • la ceramica smaltata: grande gamma di colori, ma è un materiale di difficile conservazione
  • il marmo: numerosi colori, grande resistenza, ma è un materiale molto pesante
  • l'oro e l'argento: si inserisce uno strato d'oro o di argento in una tessera di vetro; lo strato è protetto e si ha un effetto di luminosità
A Bisanzio, si utilizzavano smalti di vetro per le decorazioni murali. L'intensità dei colori è notevole ma questo materiale è costoso e risulta molto fragile.

I supporti
Il supporto più diffuso è il calcestruzzo (sabbia e cemento) dato il suo basso costo e la sua adattabilità a vari contesti. Si pone sulla parete una rete, quindi uno strato di calcestruzzo almeno di 13 mm di spessore, così da proteggere il mosaico dalla fessurazione.
Si possono anche trovare altri supporti, come il legno (lo si rende impermeabile grazie ad un trattamento chimico, o immergendolo in olio bollente), il vetro, le fibre di legno premute e fissate (epoca contemporanea), o il compensato (epoca contemporanea).

Le colle

I Romani usavano fissare le tessere anche con la cera, che si è rivelata un ottimo collante. Molti mosaici di Piazza Armerina  in Sicilia sono appunto stati fissati con questa tecnica e sono ancora saldi alle intonacature.
La più utilizzata è certamente la malta: applicabile su tutte le superfici, si può aggiungere calce per rallentare il tempo di presa.
Si utilizzano anche adesivi a base di cemento, che sono concepiti in funzione del supporto, con vari tempi di presa. L'impiego di due tipi di colla bianca (normale e solubile in acqua) è anche frequente. Infine, in epoca contemporanea si constata l'utilizzo di adesivo siliconico.

Messa in opera del mosaico

Esistono tre metodi diversi:

  • il metodo diretto: è il più semplice e il più rapido: dopo avere effettuato un disegno a carboncino sul supporto, si applica uno strato poco spesso di adesivo sulle zone da lavorare. Si dispongono inizialmente le tessere più grandi, quindi si inseriscono le più piccole; questa disposizione è realizzata dell'esterno verso l'interno. In seguito si applica uno strato di cemento (per le giunzioni tra le tessere) che si asporta dopo essiccazione.
  • il metodo indiretto: si attaccano le tessere alla rovescia su un supporto provvisorio, per ottenere una superficie piana. Quindi si incolla il tutto sul supporto definitivo, e si toglie il fondo provvisorio. Il supporto provvisorio raccomandato nei manuali è molto spesso la carta Kraft. Questo tipo di carta è sensibile all'adesivo solubile in acqua e si deforma. Le tessere incollate sulle convessità si troveranno nelle concavità una volta che si sarà attaccato l'insieme sul supporto definitivo. Il poliestere non impermeabile (completamente insensibile all'adesivo solubile in acqua) dà risultati migliori e si disincolla molto facilmente per il semplice fatto che l'acqua contenuta nelle giunzioni o il cemento adesivo ha rammollito l'adesivo solubile in acqua.
  • il metodo doppio: è una combinazione dei metodi diretto ed indiretto.
Amedeo Liberatoscioli
http://www.generalmarmi.it/home.php